Arruolarsi nel San Marco

ENTRARE IN MARINA

Arruolamento e Concorsi

L’attuale normativa, emanata con Decreto Legislativo n° 196 del 12 maggio 1995, suddivide i Sottufficiali e il personale volontario nel seguente ordinamento:

  • Volontari di Truppa a Ferma Breve (VTFB);
  • Ruolo Volontari di truppa in Servizio Permanente (VTSP);
  • Ruolo Sergenti (SGT);
  • Ruolo Marescialli (MRS).

La normativa tende ad equiparare, sotto un profilo giuridico e funzionale, i ruoli del personale militare a quelli del personale civile che, nell’ambito della Marina Militare significa:

  • La Truppa di Leva agli Operatori temporanei non diplomati;
  • I Volontari di Truppa a ferma breve agli apprendisti operatori non diplomati;
  • I Volontari di Truppa in servizio permanente agli Operatori basici non diplomati;
  • I Sergenti agli Operatori specializzati non diplomati;
  • I Marescialli ai Quadri diplomati;
  • Gli Ufficiali ai Funzionari e Dirigenti laureati.

Quindi, come detto, sotto il profilo giuridico i Sottufficiali sono suddivisi in due ruoli, Ruolo Marescialli e Ruolo Sergenti, mentre il restante Personale Volontario è suddiviso nel Ruolo Volontari di truppa in Servizio Permanente e nei Volontari di Truppa a Ferma Breve, mentre sul piano funzionale la norma ha invece suddiviso il personale appartenente ai suddetti ruoli in “Funzione Quadri”, che comprende i Marescialli e “Funzione Operatori” che, a diversi livelli funzionali, comprende tutto il restante personale, dai Sergenti fino ai Volontari di Truppa in Ferma Breve.
In altre parole i “Quadri”, cioè gli appartenenti al Ruolo Marescialli, svolgeranno funzioni di gestione e condotta del personale arrivando, all’apice della carriera, ad affiancare, ed in alcuni casi perfino a sostituire, gli Ufficiali in alcuni incarichi, mentre il restante personale, gli “Operatori”, avranno funzioni meramente esecutive, cioè saranno chiamati a svolgere un determinato incarico in funzione delle specializzazioni acquisite.
Vediamo ora i requisiti per accedere ai vari ruoli.

Volontari di Truppa in Ferma Breve
Ai Volontari di Truppa in Ferma Breve si accede mediante concorso pubblico riservato ai giovani in possesso di licenza di scuola media secondaria di primo grado. Organizzato su tre scaglioni annui, l’ammissione avviene in base ad una graduatoria elaborata sui risultati di prove psicofisiche e della valutazione dei titoli scolastici in possesso dei candidati.
I Volontari di Truppa in Ferma Breve sono chiamati nelle Forze Armate, in relazione alla durata della loro ferma, “Volontari in ferma triennale” dizione abbreviata convenzionalmente in “V3”; si tratta di personale che, in relazione alla specialità assegnata ed all’abilitazione conseguita, svolge mansioni esecutive e manuali, in pratica gli stessi incarichi svolti in passato dal personale di leva in ferma triennale (L3).
A livello “funzionale” i V3 vengono impiegati sulla base di una formazione e di una preparazione tecnico-specialistica che conseguono frequentando in tre mesi il “Corso per la Qualificazione Basica Specialistica dei V3” (QBS/V3), periodo in cui sono comprese anche le operazioni di incorporamento e di “vestizione”.
Ognuno dei tre corsi svolti annualmente comprende circa 800 frequentatori che seguono il corso in diversi istituti formativi: 360 a MARISCUOLA Taranto e 360 a MARISCUOLA La Maddalena, mentre gli 80 V3 che saranno impiegati come Fucilieri di Marina nella Forza da Sbarco “San Marco” (MARIFORSBARC) seguono il corso QSB/V3 direttamente presso il MARIFORSBARC che ha sede a Brindisi.
La preparazione specialistica conseguita con il Corso QSB/V3 viene poi integrata e completata con il Tirocinio Pratico Individuale, della durata di tre mesi, effettuato direttamente presso la prima destinazione d’impiego.
Come abbiamo detto, la ferma dei V3 dura tre anni, che possono essere seguiti da un quarto anno per coloro che partecipano al concorso ed al corso per il passaggio nel Ruolo Volontari di Truppa in Servizio Permanente della stessa Marina Militare.
Al momento dell’incorporamento il V3 consegue il grado di Comune di 2^ Classe, dopo almeno tre mesi viene promosso Comune di 1^ Classe, e dopo altri quindici mesi può essere promosso Sottocapo.

Ruolo Volontari di Truppa in Servizio Permanente
Al Ruolo Volontari di Truppa in Servizio Permanente si accede mediante un concorso per titoli di servizio interno alla Forza Armata, cui possono partecipare i V3 che abbiano optato per la carriera in Marina; la graduatoria viene elaborata sulla base di quella originaria relativa al reclutamento dei candidati come Volontari di Truppa in Ferma Breve e del loro successivo rendimento di servizio come V3.
La preparazione dei Volontari di Truppa in Servizio Permanente, in Marina denominati “Sottocapi” (SCP), viene assicurata da un “Corso Sottocapi” della durata di circa cinque mesi; annualmente si tengono due Corsi Sottocapi con 400 frequentatori che seguono le lezioni in diversi istituti di formazione: 170 a MARISCUOLA La Maddalena e 230 a MARISCUOLA Taranto; di questi 30 circa, quelli destinati alla Forza da Sbarco “San Marco” (MARIFORSBARC), frequenteranno la sola fase specialistica presso  MARIFORSBARC a Brindisi.
Dopo il Corso SCP i frequentatori appartenenti ad alcune categorie/specialità seguono presso il Centro Addestramento Aeronavale della Marina Militare (MARICENTADD) di Taranto un corso propedeutico al conseguimento della Qualificazione Iniziale Specialistica (Q.I.S.).
Al momento del “passaggio in S.p.” (Servizio permanente), in pratica quando sono dichiarati vincitori del concorso, conseguono il grado di Sottocapo di 3^ Classe; la promozione a Sottocapo di 2^ Classe avviene dopo un anno, e quella a Sottocapo di 1^ Classe dopo altri cinque, per poi poter arrivare anche al grado di Sottocapo di 1^ Classe Scelto. I Sottocapi di 2^ e di 1^ Classe possono partecipare al concorso interno per transitare direttamente nel Ruolo Sergenti.
Inoltre ai Sottocapi in possesso di diploma e con almeno sette anni di servizio, in pratica ai Sottocapi di 2^ Classe, è riservato il 20% dei posti disponibili annualmente per il concorso interno per transitare nel Ruolo Marescialli.

Ruolo Sergenti
L’ammissione al ruolo Sergenti (SGT) avviene per il 30% dei posti disponibili mediante un concorso interno per titoli di servizio riservato ai Sottocapi (SCP) di 2^ e di 1^ Classe, mentre il restante 70% dei posti è riservato ai Sottocapi di 1^ Classe Scelto che vengono selezionati mediante il sistema di avanzamento a “scelta” sulla base dello stato di servizio.
Gli ammessi al Ruolo Sergenti devono frequentare un corso di aggiornamento e formazione professionale, della durata di circa 5 mesi, denominato Corso SGT (Sergenti); il corso viene svolto presso MARISCUOLA Taranto e La Maddalena. L’aliquota dei neo Sergenti, destinati alla Forza da Sbarco “San Marco” (MARIFORSBARC), frequentano la fase specialistica direttamente presso  MARIFORSBARC a Brindisi.
Dopo il Corso SGT i frequentatori di alcune categorie/specialità seguiranno anche un corso propedeutico al conseguimento della Qualificazione Superiore Specialistica (Q.S.S.) presso il Centro Addestramento Aeronavale della Marina Militare (MARICENTADD) di Taranto. Il Ruolo Sergenti prevede il conseguimento del grado di Sergente all’atto del superamento del concorso, quello di Secondo Capo dopo sette anni, ed il grado di Secondo Capo Scelto dopo altri sette anni. Gli ultimi due passaggi di grado avvengono mediante il sistema di avanzamento a “scelta” sulla base dello stato di servizio.
Ai Sergenti di età non superiore ai 40 anni, anche non in possesso di diploma di scuola media secondaria, è, inoltre, riservato il 10% dei posti disponibili ogni anno per il concorso interno per transitare nel Ruolo Marescialli.

Ruolo Marescialli
Al Ruolo Marescialli (MRS) si accede mediante concorso pubblico annuale per titoli ed esami riservato ai giovani tra i 17 e i 26 anni di età (per coloro che abbiano già prestato il servizio militare obbligatorio o volontario per un periodo non inferiore alla durata della leva obbligatoria, il limite massimo per presentare domanda è elevato a 28 anni), in possesso di diploma di istruzione secondaria di secondo grado, cui viene assegnato il 70% dei posti disponibili, mentre il restante 30% è oggetto di un concorso interno alla Forza Armata, di cui il 20% è riservato al personale appartenente al Ruolo Volontari di Truppa in Servizio Permanente in possesso di diploma di scuola media secondaria e con almeno 7 anni di anzianità servizio, mentre il restante 10% al personale del Ruolo Sergenti, anche non in possesso di diploma, ma con meno di 40 anni di età.
Il concorso prevede una prova di preselezione consistente in una serie di test tesi ad accertare il livello di cultura generale, di conoscenza della matematica, di ragionamento numerico e spaziale, nonchè di conoscenze lessicali del concorrente; lo stesso dovrà sostenere, in seguito, una prova scritta che consiste in uno o più componenti di italiano le cui tracce sono in linea con quelle assegnate negli istituti di istruzione media superiore.
I candidati vengono poi sottoposti ad una visita medica, effettuata presso il Centro di Selezione della Marina Militare di Ancona, tesa ad accertare il possesso dei requisiti psicofisici; gli esiti della visita medica determinano un giudizio di “idoneità” o di “non idoneità” che dà luogo ad una prima selezione.
I concorrenti ritenuti idonei vengono poi sottoposti ad una serie di test tesi ad accertare il possesso dei requisiti attitudinali per il servizio in Marina Militare in qualità di Marescialli.

Per maggiori informazioni relative ai bandi di concorso/modalità di arruolamento del personale è possibile contattare lo Stato Maggiore Marina (UFFICIO GENERALE DEL PERSONALE-RELAZIONI CON IL PUBBLICO) ai seguenti numeri :

  Numero Verde  800-862032

06-36804442  ( 08:00 16:30  lunedì/venerdì – 08:00-13:00  venerdì/sabato)

Iter formativo Ufficiali

Attraverso l’Accademia si può diventare Ufficiali del Ruolo Normale o del Ruolo Speciale.

La differenza fra i due Ruoli consiste essenzialmente nelle possibilità di carriera legate ad essi:

  • Ruolo Normale: consente il raggiungimento dei massimi livelli direttivi e in particolare il Corpo di Stato Maggiore dei Ruoli Normale permette di conseguire i più alti incarichi nell’ambito della Marina e delle Forze Armate;
  • I Corpi Tecnici e Giuridico – Amministrativi possono conseguire le cariche di Capi dei rispettivi Corpi, di Direttori Generali e Ispettori Centrali e, per le Capitanerie di Porto, di Comandante Generale delle Capitanerie di Porto.
  • Ruolo Speciale: consente uno sviluppo di carriera più limitato ed il raggiungimento del grado di Capitano di Vascello.

 DESCRIZIONE DEI CORPI DEGLI UFFICIALI DI MARINA

STATO MAGGIORE
Gli Ufficiali di Stato Maggiore o Ufficiali di Vascello, come vengono chiamati in omaggio ad una tradizione che risale alla Marina velica, seguono un iter formativo mediante il quale arriveranno, nel giro di pochi anni dal termine dell’Accademia Navale, al più ambito incarico di un Ufficiale di Marina: il comando di Unità Navali.
Essi, sulla base del nuovo iter formativo, potranno assumere quindi incarichi di alta responsabilità a livello interforze ed internazionale, ed essere in grado di governare sistemi di elevato contenuto tecnico e attendere a problematiche giuridiche-strategiche di politica internazionale.

GENIO NAVALE

Gli Ufficiali del Genio Navale, a bordo delle Unità e presso i Comandi Complessi, dirigono i Servizi Tecnici inerenti agli apparati motori, i generatori ed i relativi macchinari ausiliari; a terra si occupano delle riparazioni e delle costruzioni delle Navi dello Stato. Anche per gli Ufficiali di questo Corpo esiste uno sviluppo di carriera che li porta via via a far parte e dirigere Uffici tecnici, Istituti di Ricerca e Sperimentazione, Stabilimenti di Lavoro o Arsenali, a progettare e costruire Navi. Al vertice della carriera possono ricoprire la carica di Direttore Generale delle Costruzioni, delle Armi e degli Armamenti Navali.

ARMI NAVALI

Gli Ufficiali delle Armi Navali a bordo delle Unità e presso i Comandi Complessi, dirigono i servizi tecnici inerenti le armi, l’elaborazione dati, le apparecchiature di scoperta e di comunicazione ed il materiale elettronico. Per gli Ufficiali di questo Corpo esiste uno sviluppo di carriera che li porta via via a far parte e dirigere Uffici Tecnici, Istituti di Ricerca e Sperimentazione, Stabilimenti di Lavoro o Arsenali, a studiare e provvedere all’acquisto di nuove armi e apparecchiature.

CORPO SANITARIO

A tale Corpo possono accedere, tramite concorso, candidati in possesso delle laurea e delle relative abilitazioni professionali:

  • Medicina, e Chirurgia, per diventare Ufficiale Medico del Corpo Sanitario;
  • Farmacia, Chimica e Tecnologie Farmaceutiche, per diventare Ufficiale Farmacista del Corpo Sanitario.

I candidati idonei saranno nominati Sottotenenti di Vascello (MD) o (FM) e, con tale grado frequenteranno un corso applicativo della durata di sei mesi presso l’Accademia Navale, superato il quale conseguiranno la promozione a Tenente di Vascello.

CORPO DI COMMISSARIATO
Oltre che attraverso i corsi normali dell’Accademia Navale, al Corpo di Commissariato si può accedere anche attraverso concorsi a nomina diretta riservati riservati ai laureati in materie economico-giuridiche.
Gli Ufficiali del suddetto Corpo sono destinati, dopo un tirocinio teorico-pratico, a svolgere il compito di Capo Servizio Amministrativo e Capo Reparto Logistico presso le Unità Navali ed i Vari Comandi/Enti a terra della  Marina Militare
Lo sviluppo di carriera porta gli Ufficiali di questo Corpo a ricoprire incarichi di Direzione Amministrativa presso gli Alti Comandi della Marina o a far parte di importanti organizzazioni a livello Interforze.
Il più alto incarico in questo Corpo è quello di Direttore Generale o Direttore Centrale di Uffici del Ministero Difesa.

CORPO DELLE CAPITANERIE DI PORTO

Oltre che attraverso i corsi normali dell’Accademia Navale, al Corpo delle Capitanerie di Porto si può accedere anche attraverso concorsi a nomina diretta riservati a laureati in materie economico-giuridiche o scientifiche ed ai diplomati in possesso del titolo di Capitano di Lungo Corso o di Capitano di Macchina.
Gli Ufficiali sono destinati, dopo un tirocinio teorico-pratico a terra e a bordo di Navi della Marina Mercantile e Militare, ad assolvere svariate funzioni legate alla vita dei porti, alla sicurezza della navigazione, alla gestione del Demanio Marittimo ed alla difesa del mare.
Lo sviluppo della carriera porta gli Ufficiali di questo Corpo a ricoprire incarichi di Comando di Unità Navali (Motovedette) od Aerei, e di Circondari Marittimi, di Compartimenti Marittimi e di Direzioni Marittime.

COME ACCEDERE AI VARI CORPI

Ad ogni corpo si accede tramite Concorso, il cui Bando viene pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale; a titolo indicativo si iportano, di seguito, i periodi dell’anno in cui avvengono le pubblicazioni e le conseguenti convocazioni in Accademia. Navale per le prove di Concorso:

RUOLI NORMALI  CORPO
PUBBLICAZIONE DEL BANDO DI CONCORSO FdS PROVE
Corso Normale

Stato Maggiore (D)
Armi Navali (D)
Genio navale (D)
Commissariato (D)
Capitanerie di Porto (D)

Gennaio Marzo-Aprile
Agosto-Settembre
Nomina Diretta Medici (L)
Farmacisti (L)
Genio Navale (L)
Armi Navali (L)
Sanitario (L)
Commissariato (L)
Capitanerie di Porto (L)(D*)
Gennaio Marzo-Maggio
NOTE: (L) Laureati – (D) Diplomati – * con titolo di Capitano di Lungo Corso o di Macchina

Per il Corpo della Capitanerie di Porto gli unici diplomati ammessi ai Ruoli Normali (corsi a nomina diretta) sono i giovani che abbiano conseguito il titolo professionale Marittimo di Capitano di Lungo Corso.
Per accedere ai Corpi dei Ruoli Speciali occorre essere Ufficiali di Complemento (Laureati o Diplomati) raffermati oppure Marescialli in Servizio in possesso di Diploma di scuola media superiore.
Per diventare Ufficiale di Complemento occorre essere in possesso di Laurea o Diploma e partecipare alle selezioni per l’ammissione al corso come di seguito indicato.
Durante l’anno si effettuano concorsi per i periodi sotto indicati.

COMPLEMENTO TITOLO
PUBBLICAZIONE DELLE NORME DI AMMISSIONE CONVOCAZIONE

Laureati

e

Diplomati

La pubblicazione avviene sulla Gazzetta Ufficiale e nel F.O.M. I giovani interessati possono avere le opportune informazioni presso le Capitanerie di Porto o i Comandi Militari delle province d’appartenenza.

Febbraio/Aprile

o

Ottobre/Novembre

Le successive tabelle mostrano i corsi effettuabili in Accademia in relazione ai Corpi.

CORSO NORMALE
TITOLO RICHIESTO
PER L’AMMISSIONE
CORPO AL QUALE SI PUÒ ACCEDERE DURATA DEL CORSO TITOLO DI STUDIO CONSEGUIBILE INCARICO RAGGIUNGIBILE
Diploma Stato Maggiore 5 anni in Accademia Laurea in Scienze Politiche Capo di Stato Maggiore della DifesaSegretario Generale della Difesa
Diploma Genio Navale Armi Navali 4 anni in Accademia e 2 anni di Università

Laurea in Ingegneria Navale

Laurea in Ingegneria delle Telecomunicazioni

Direttore Generale
Diploma Commissariato Capitanerie di Porto 5 anni in Accademia Laurea in Giurisprudenza Direttore GeneraleComandante Gen.le delle Capitanerie di Porto

 

CORSI A NOMINA DIRETTA
TITOLO RICHIESTO
PER L’AMMISSIONE
CORPO AL QUALE SI PUÒ ACCEDERE DURATA DEL CORSO INCARICO RAGGIUNGIBILE
Laurea Stato Maggiore 1 anno accademia Capo di Stato Maggiore della Difesa
Laurea Genio Navale 1 anno accademia Direttore Generale
Laurea Armi Navali 1 anno accademia Direttore Generale
Laurea Sanitario (*) 1 anno accademia Direttore Generale
Laurea Commissariato 1 anno accademia Direttore Generale
Laurea Capitanerie di Porto 1 anno accademia Direttore Generale
Diploma(**) 1 anno accademia Direttore Generale
(*) Medici e Farmacisti
(**) è necessario il titolo di Capitano di Lungo Corso o di Macchina

 

RUOLO SPECIALE
TITOLO RICHIESTO
PER L’AMMISSIONE
CORPO AL QUALE SI PUÒ ACCEDERE DURATA DEL CORSO INCARICO RAGGIUNGIBILE
Ufficiale di compl. ammesso ad una ferma biennale non rinnovabile ultimato il 2° anno
oppure
Sottufficiale in possesso di diploma di media superiore
Stato Maggiore
Genio navale
Armi Navali
Sanitario
Commissariato
Capitanerie di Porto
9 mesi Il grado massimo raggiungibile dagli Ufficiali di questo Ruolo è Capitano di Vascello

 

IL CONCORSO DI AMMISSIONE ALLA PRIMA CLASSE DEL CORSO NORMALE

Il concorso per l’ammissione alla 1ª Classe del Corpo Normale (Stato Maggiore – Genio Navale – Armi Navali – Commissariato M.M. e Capitanerie di Porto) ha luogo presso Comandi/Enti dipartimentali della Marina e l’Accademia Navale. La pubblicazione del Bando di Concorso avviene tramite la Gazzetta Ufficiale. Copia del suddetto bando unitamente alla “Guida pratica per la preparazione agli esami” può essere richiesta all’Accademia Navale inviando per tempo l’apposita cartolina.

Tutti i concorrenti che presentano domanda sono convocati (Marzo/Aprile) presso il Centro di Selezione di Ancona o altro Ente della Marina Militare per le prove attitudinali di livello e per la visita medica. Durante la permanenza presso tale Ente, vitto e alloggio dei concorrenti sono a carico dell’Amministrazione M.M.

I concorrenti che superano tali prove vengono successivamente convocati presso l’Accademia Navale (Aprile/Maggio) per sostenere la prova scritta di Italiano, su un argomento di cultura generale. I concorrenti idonei dopo la correzione del tema di Italiano sono nuovamente convocati (Agosto) presso l’Accademia Navale ove, superati ulteriori test medici e personologici, potranno sostenere le prove orali di matematica ed eventuali prove facoltative di conoscenza di lingue straniere, riportate nel Bando di Concorso.

I concorrenti che superano tutte le prove, sono ordinati in graduatoria unica di merito, quindi ripartiti in tre gruppi comprendenti Corpo di Stato Maggiore, i Corpi Genio Navale ed Armi Navali e i Corpi Commissariato e Capitanerie di Porto in funzione dei requisiti fisici, caratteriologici, e tenendo conto, nei limiti del possibile, delle preferenze espresse.
Sono ammessi in Accademia come Allievi della 1ª Classe dei Corsi Normali, nell’ordine della graduatoria, fino alla copertura dei posti messi a concorso.

Al termine degli esami i concorrenti rientrano in attesa di conoscere l’esito finale del concorso.

I vincitori sono convocati telegraficamente in Accademia per l’inizio dell’anno accademico nella prima decade di Ottobre.

P.S.: Le modalità del concorso possono subire modifiche di anno in anno ed è pertanto necessario aggiornarsi leggendo l’ultimo “Bando”.

Per maggiori informazioni chiama il numero verde dello Stato Maggiore Marina: 167-862032

Devi aver eseguito log in per inviare un commento.