I Leoni in Afghanistan

Herat: Le missioni del Reggimento San Marco

Da alcuni mesi, la Marina militare ha schierato a Herat, nell’ambito dell’operazione Isaf condotta dalla Nato, un team di fucilieri di Marina del reggimento San Marco. L’unità anfibia, che ha partecipato a tutte le missioni all’estero condotte dalle forze armate italiane, è composta da volontari altamente selezionati e formati attraverso continui e intensi addestramenti. Tra i dieci uomini del team, otto fucilieri di marina sono inquadrati con diverse mansioni nello special staff del generale di brigata Danilo Errico, coordinatore regionale dell’area occidentale (Rac-W), mentre...

Leggi Tutto ...

Afghanistan: 583 missioni per 602 ore di volo per gli elicotteri della Marina Militare

583 missioni per un totale di 602 ore di volo, di cui 156 notturne svolte con l’ausilio degli NVG (Night Vision Goggles - visori notturni ad intensificazione di luce). Questi i dati riassuntivi - comunicati da una nota dello Stato Maggiore Difesa - delle attività svolte dalla componente elicotteristica della Marina Militare impegnata in Afghanistan. Questa in teatro è conosciuta come "Task Force Pantera", nome derivato dall’animale raffigurato sui patche portati dal personale sulle tute di volo. Questa sezioni elicotteri "rinforzata" è costituita dal Reparto Eliassalto del Quarto Gruppo...

Leggi Tutto ...

Cambio del comandante alla Italian Navy Task Force “Pantera”

Venerdì 20 gennaio, alle ore 11.00 locali (07,30 italiane), presso l’aeroporto internazionale di Kabul, si è svolta la cerimonia di cambio del comandante dell’unità elicotteri della Marina militare Italiana denominata Italian Navy Task Force “Pantera”. Dopo tre mesi di intensa attività nei cieli della capitale afgana, il capitano di fregata Riccardo Buralli è stato avvicendato dal capitano di fregata Alessandro M. Dionigi. Alla cerimonia erano presenti il generale di corpo d’armata Mauro Del Vecchio, dal 4 agosto 2005 comandante della missione Nato-Isaf (International Security...

Leggi Tutto ...

Herat – Afghanistan

Oggi l'Italia è subentrata agli Stati Uniti nella guida del PRT di Herat, uno di quei 'team' di ricostruzione provinciale con i quali la NATO vuole espandere la missione ISAF in tutto l'Afghanistan. Si tratta di 123 militari (oltre ai 200 che si occupano della gestione dell'aeroporto) che insieme a personale civile dovranno contribuire, appunto, alla ricostruzione "sociale ed economica" della provincia. In che modo? Mettendo mano al portafoglio e realizzando una serie di progetti. In vari settori. Gli americani avevano realizzato questo PRT, nel centro di Herat, nel lontano gennaio 2003. Oggi...

Leggi Tutto ...

Santangelo: L’alleanza ci ha affidato importanti responsabilita’

I Provincial Reconstruction Team (PRT), le nuove strutture della NATO per la ricostruzione in “zone calde”, utilizzate per la prima volta con la missione ISAF in Afghanistan, “sono il futuro della cooperazione internazionale". Lo spiega al Velino il generale Giuseppe Santangelo, che dal primo giugno assumerà l’incarico di RAC (Regional Area Coordinator) nell’ovest dell’Afghanistan. "Il motivo è da ricercarsi nel modo in cui sono concepiti oggi. Infatti questo tipo di struttura fonde insieme la componente militare e quella civile. Per la prima volta due realtà che hanno lavorato sempre...

Leggi Tutto ...

AMI viene rischierato fuori dai confini nazionali

Con una breve cerimonia svoltasi l’11 aprile in Piazza Brà a Verona - alla presenza del CSMD amm. Giampaolo Di Paola, del CSM dell’AMI gen. Leonardo Tricarico e del sindaco di Verona avv. Paolo Canotto - la bandiera del Reparto Mobile di Supporto (R.M.S.) dell’Aeronautica Militare è partita per Herat in Afghanistan per raggiungere gli uomini del reparto che già vi stanno operando dallo scorso 5 marzo. Per la prima volta dal dopoguerra un reparto operativo dell’AMI viene rischierato fuori dai confini nazionali e l’evento è di particolare importanza perché il R.M.S. sarà presente...

Leggi Tutto ...