Armi ed Equipaggiamento

Come ogni soldato d’élite che si rispetti,il Fuciliere di Marina del San Marco dispone di un equipaggiamento e di un armamento che lo pone all’avanguardia.

Nella moderna ” arte della guerra” la tecnologia riveste un ruolo sempre più importante, e infatti gli ultrasofisticati equipaggiamenti forniscono sul campo di battaglia un irrinunciabile ausilio al combattente.Ormai nulla viene lasciato al caso, e persino la tradizionale mimetica rappresenta un condensato di tecnologia: La tenuta da combattimento dei FCM (Fucilieri di Marina), di   foggia e cromatismi che rappresentano un verde e un “sabbia” più chiari, nonchè l’aggiunta di piccole macchie nere e in bianco panna, la fanno distinguere immediatamente dalle altre in dotazione ai vari corpi dell’E.I.

Ma la novità più rilevante non è visibile a occhio nudo: la mimetica è realizzata in un nuovo cotone estremamente leggero e traspirante che è stato trattato per ottenere una significativa riduzione delle radiazioni IR(infrarosse) emesse naturalmente dal corpo umano; chi indosserà questi indumenti sul campo di battaglia, dunque, sarà meno visibile ai visori all’infrarosso dei cecchini avversari. Durante le azioni veloci in cui il FCM deve potersi muovere liberamente, sulla nuova tenuta viene indossato il “Combat Vest”, un comodo gilet nelle cui capaci tasche può essere portata la pistola Beretta cal.9 parabellum ed equipaggiamenti vari costituiti prevalentemente da caricatori e bombe a mano.

I nuovi materiali compositi sono stati impiegati per realizzare il nuovo giubbotto antischegge, concepito e sviluppato direttamente dagli specialisti del Reparto, che è rinforzato con piastre in kevlar.

In kevalr sono realizzati anche gli elmetti, di foggia “americaneggiante” e la copertura in tela ricorda molto quella dei Marines, incluso un modello con visiera blindata anteriore per la protezione del viso, quest’ultimo usato per le operazioni OP (Ordine Pubblico).Sempre nel campo della dotazione personale si trovano gli occhiali per proteggersi dalla polvere, gli arnesi per la discesa in richiamata che facilitano gli spostamenti su terreni accidentati e l’uniforme acquatica che include la muta di neoprene per le immersioni a bassa profondità, con relativi sistemi di autorespirazione (per i DOA).
Completano la tenuta del FCM le più moderne maschere antigas e set portatili di rilevatori chimici per operare in ambienti contaminati con aggressivi NBC. Il Fuciliere, oggi, può contare anche di un’ampia gamma di visori, tra i più moderni esistenti, che gli consentono di operare in qualsiasi condizione di visibilità, come gli occhiali binoculari di visione notturna AN/PVS-5, mirini antiriflessi notturni delle Officine galileo, telemetri laser LP7, sistemi di comunicazione della serie statunitense AN/PRC-77 o gli israeliani Tadiran, con una capacità anti-interferenze, sistemi portatili per i collegamenti telefonici via satellite. Un altro ausilio sul moderno campo di battaglia e fornito dai sistemi elettronici di posizionamento GPS, tra i più sofisticati in circolazione. Unitamente a ciò il fuciliere del San Marco ha in dotazione un armamento personale e di appoggio tra i più completi esistenti adattandolo sempre alla la missione assegnata.
Antitank System Artillery SAM System Sniper Weapons Light/Heavy weapons Vario
Milan Breda 81 mm Stinger Barret 12,7 mm Beretta  92 SF Visori e sistemi di puntamento
Panzerfaust 3 T-B 120 mm McMillan 12,7 mm Beretta PM12 S2
Instalaza C90 Accuracy .388 Beretta 70/90
TOW Minimi 5.56 x 45mm
Heckler & Kock MP5
MG 42/59
Browning M-2

 

Devi aver eseguito log in per inviare un commento.